Matteo Bassetti ci spiega: “Ci dovremo convivere per i prossimi anni”

Matteo Bassetti-Coronavirus

Siamo ormai a più di un mese dall’inizio della quarantena , gli italiani, a questo punto, non aspettano altro che un ritorno alla tanto sottovalutata e ora tanto desiderata normale quotidianità.

Matteo Basetti

Matteo Bassetti, infettivologo di Genova, è convinto che: “Non sparirà neanche quando arriverà il vaccino“. Anche l’efficacia di un eventuale vaccino, quindi, è messa in dubbio e insieme a questa ipotesi si fa sempre più flebile. Matteo Bassetti continua e ci spiegare infatti che:

“Non solo ci doveremo convivere questa estate, ma ci dovremo convivere per i prossimi anni, probabilmente molti anni. Ormai questo virus è entrato, fa parte degli agenti eziologici che danno un quadro di polmonite o simile influenzale”.

coronavirus

L’infettivologo, che è anche direttore della clinica di malattie infettive dell’ospedale Martino è convinto che il virus resterà fra noi per molti anni. Dovremo quindi abituarci all’idea di convivere con dispositivi di protezione e misure di distanziamento sociale.

Per quanto riguarda la tanto attesa riapertura graduale prevista dalla fase 2, che dovrebbe avere inizio il 4 maggio, Matteo Bassetti chiarisce:

“A una normalità totale non ci arriveremo più. Anche in futuro non staremo più vicini in coda, cambieremo le nostre abitudini perché questo virus sarà il nostro compagno di viaggio per molti anni, cosi come è già per altri virus e batteri”.

Per concludere l’infettivologo ha rilasciato una breve riflessione personale sulle nostre abitudini e la nostra società:

“La proprietà di questo mondo non è nostra ma di batteri e virus, che sono presenti da molto prima di noi, lo conoscono molto meglio di noi, si riproducono più velocemente di noi. Per questo motivo occorre imparare dal Coronavirius a rispettare un po’ di più questo mondo dove viviamo“.

La riflessione si concludono con: “Se abbiamo avuto il problema del Coronavirius e di altri che si sono ‘ribellati’ è perché questo mondo lo abbiamo trattato non troppo bene, allora cerchiamo di imparare la lezione e magari prendiamo lo spunto per trattarlo un pochino meglio”. Parole che spingono tutti noi a riflettere.

0 Commenti

Lascia Un Commento

©2020 RedHouseRadio

CONTATTACI

Contattaci per qualsiasi Cosa... Ti risponderemo il Prima Possibile

Sending

Accedi con le Tue Credenziali

Oppure    

Ripristina Password

Create Account