Internet lento, come scoprire se è colpa dell’operatore

Internet lento

21 Febbraio 2020 – Le migliori connessioni a Internet in tecnologia FTTH (Fiber to the home, fibra fin dentro casa tua) oggi promettono velocità di 1 Gbit/s, ma la stragrande maggioranza delle connessioni usate dagli italiani hanno velocità comprese tra 20 e 100 Mbit/s. Ma nessuna arriva mai alla velocità nominale.

I motivi possono essere moltissimi e, se chiamiamo il nostro Internet Service Provider per lamentarci della lentezza della connessione, ci dirà sempre che la colpa non è sua e che la connessione è ottima. Al contrario, la colpa sarà certamente di qualche problema nel nostro computer, di qualche interferenza al Wi-Fi o di qualunque cosa, tranne che della linea. Ma è vero, o ci prende in giro? Già, perché non è escluso che il nostro operatore ci stia erogando un servizio inferiore a quanto dichiarato: si chiama “throttling” e consiste nel rallentare la connessione in modo da poter tenere collegati, a parità di infrastruttura, più utenti paganti. Non possiamo sapere con certezza se il nostro Internet Service Provider (ISP) si stia comportando in questo modo, però qualche test per capire se Internet è lento per colpa dell’operatore lo possiamo fare.

Come testare la connessione Internet

La prima cosa da fare per capire se Internet è lento per colpa dell’operatore è testarne la velocità effettiva. Basta cercare su Google “Internet speed test” per scovare decine di servizi di test della nostra connessione. Proviamone due o tre diversi, e ripetiamo i test con almeno due browser diversi, e poi facciamo la media per avere una idea realistica di quanto sia realmente veloce la nostra rete.

Rifare i test, ma con la VPN

A questo punto dobbiamo installare una Virtual private network (VPN), magari attivando una prova gratuita di uno dei tanti servizi che troviamo online. Una Virtual private network è una rete privata virtuale che maschera il nostro indirizzo IP e devia il percorso dei nostri dati (in entrata e in uscita) per rendere anonima la navigazione. Le VPN hanno il grande vantaggio di aumentare la sicurezza e la privacy della nostra rete, ma anche lo svantaggio di rallentare la connessione: se dai test emergono valori più bassi dopo aver attivato la VPN è assolutamente normale.

Il problema, invece, è se con la VPN attivata la velocità di Internet aumenta: se è così allora è proprio l’operatore che ci sta rallentando, attivando il throttling sul nostro indirizzo IP. Ma poiché dietro una VPN il nostro indirizzo IP è mascherato, l’ISP non lo riconosce e non lo rallenta. Ecco come fare a capire se la rete va lenta per colpa dell’operatore.

fonte: libero.it

0 Commenti

Lascia Un Commento

©2020 RedHouseRadio

CONTATTACI

Contattaci per qualsiasi Cosa... Ti risponderemo il Prima Possibile

Sending

Accedi con le Tue Credenziali

Oppure    

Ripristina Password

Create Account