Renato Caruso: La mia vita nascosta tra numeri e note

Il chitarrista e compositore calabrese pubblica il nuovo album Grazie Turing ed il nuovo libro #DIESIS O HASHTAG?

È disponibile in digitale “Grazie Turing” (https://bfan.link/grazie-turing), il nuovo album “solo guitar di Renato Caruso, distribuito da Believe.

Il disco è la colonna sonora perfetta per immergersi nella lettura dell’ultimo libro del chitarrista calabrese, “#DIESIS O HASHTAG?”, disponibile nelle librerie e negli store digitali, edito da OneReed.

Renato Caruso, classe 1982, suona dall’età di 6 anni chitarra e pianoforte. Il chitarrista e compositore ha lavorato per cinque anni presso l’accademia musicale di Ron,Una Città Per Cantare”, come docente di chitarra classica, acustica ed elettrica, teoria e solfeggio, informatica musicale e responsabile web.  Renato Caruso nel corso della sua carriera si è esibito con artisti del calibro di Ron, i Dik Dik, Red Ronnie, Alex Britti e Fabio Concato. Nel 2015 pubblica il suo primo libroLA MI RE MI (Europa Edizioni): un breve saggio-discorso sulla musica e il suo intreccio innovativo con le tecnologie informatiche. Nel 2016 esce il suo primo album di chitarra acustica “ARAM. Il chitarrista crotonese è l’inventore del genere musicaleFujabocla, che mescola vari stili musicali tra cui il funk, il jazz, la bossa nova e la classica. Ad ottobre 2018 è tra gli ospiti del “MEI- Meeting delle Etichette Indipendenti” di Faenza. Nel marzo 2019 apre con Ylenia Lucisano una data di “Off the record” (la serie di concerti di Francesco De Gregori al Teatro Garbatella di Roma). 

Così come il precedente disco di Renato Caruso, “Pitagora pensaci tu”, questo album è un omaggio ad una delle più grandi figure del ‘900, Alan Turing (1912-1954), una figura rivoluzionaria e particolare, sia per le sue scoperte scientifiche sia per la sua tormentata vita privata: ideatore del primo computer, eroe di guerra processato ingiustamente per la sua omosessualità e pioniere dell’intelligenza artificiale che, grazie alla sua macchina, decifrò i codici tedeschi e fece importanti esperimenti di sintesi con la musica.

“Grazie Turing” è un album composto da Renato Caruso e registrato presso Armonia Studio di Diego Di Lana, prodotto e arrangiato da Pino Di Pietro e missato e masterizzato da Pino Di Pietro e Vinx Lacerenza presso Pro Music Tool Box.

Qual è l’aspetto della vita di Alan Turing che ti ha maggiormente affascinato tanto da spingerti a volerlo omaggiare?

«Sicuramente la parte della decriptazione, perché io ho un lato scientifico, informatico e mi ha colpito la parte delle telecomunicazioni. Come lui riusciva a capire i codici usati dai tedeschi nella seconda guerra mondiale.»

Un album che segna un percorso, track by track, lungo i secoli partendo da Aristotele.

«Esatto è la storia dell’informatica partendo dalla Logica di Aristotele fino ad arrivare a Steve Jobs, ripercorro i passi fondamentali che si sono succeduti nella storia dell’informatica. C’è ad esempio “01010100” e cioè il linguaggio binario, poi gli algoritmi fino a Steve Jobs che ha introdotto i computer nelle nostre case. Un percorso quindi track by track tranne le ultime due canzoni inserite nell’album che sono due omaggi uno a Odissea nella Spazio e l’altra al giorno che lasceremo la terra.»  

Musica e scienza due discipline che possono sembrare distanti ma che hanno più punti in comune di quanto si pensi. Secondo te quali possono essere?

«Si, i punti in comune sono tantissimi, basti pensare che quando si legge uno spartito dopo la chiave musicale c’è una frazione ¾ , ⅜ o 4/4, le note hanno delle durate, le battute hanno dei numeri ed il pentagramma è formato da 5 righe. Forse non ci pensiamo ma già quando scriviamo musica facciamo dei conti. Senza tralasciare un software musicale, una scala musicale, tutto questo è stato fatto da matematici e da ingegneri .»

ph. Livio Malla

De La Tela di Godel, canzone contenuta nell’album, dici, riferendoti alla matematica, che ci sono aspetti della vita che non hanno bisogno di essere dimostrati. Portando questo concetto nella musica, le canzoni possono aiutarci a dare le risposte a ciò che pensiamo di non poter dimostrare e quindi di non poter risolvere?

«Si, Einstein ad esempio, che è stato uno dei più grandi fisici, amava suonare il violino e spesso trovava delle soluzioni proprio nella musica, lui infatti diceva di pensare in musica. Quando era in loop nei suoi calcoli suonava il violino e quindi era come se la musica lo aiutasse a trovare delle soluzioni. Quello che dici tu è giusto perché la musica, metaforicamente, aiuta a trovare anche delle soluzioni nella vita, a volte salva le persone. Hai ragione, la musica in qualche modo può dimostrare quello che è indimostrabile in altre materie.»

Questo connubio musica e scienza lo racconti anche nel tuo libro #DIESIS O HASHTAG?, infatti i due protagonisti sono una fisica teorica ed un musicista

«Esatto sono i miei due lati che vanno sempre insieme perché è come parlare della stessa cosa ma in due linguaggi diversi. L’album e il libro si completano, sono due fidanzati (ride). Nel libro infatti c’è molto della mia vita, racconto tanti piccoli aneddoti che sono accaduti nella mia vita, diciamo che è una piccola biografia nascosta tra i numeri e le note.»

ph. Livio Malla

Il libro si struttura come un dialogo tra due amici, una fisica teorica e un musicista. Francesca è una giornalista e scrive articoli di fisica, mentre Renato è un chitarrista e gira l’Italia con i suoi concerti. I due si scambiano opinioni e prospettive differenti, accorgendosi però di arrivare sempre a un punto comune. 

“# DIESIS O HASHTAG?” è un libro per bambini e adulti e per chiunque voglia scoprire aneddoti e curiosità sulla musica e sulla scienza, tra racconti di vita ed esperienze personali. 

Il libro è impreziosita da due artwork, realizzati ad hoc per il progetto di Renato, che rispecchiano perfettamente l’anima del testo. L’opera sulla copertina è stata realizzato da Giuseppe Veneziano, mentre quella sulla quarta di copertina è a cura di Lucrezia Ruggeri.

0 Commenti

Lascia Un Commento

©2022 RedHouseRadio

CONTATTACI

Contattaci per qualsiasi Cosa... Ti risponderemo il Prima Possibile

Sending

Accedi con le Tue Credenziali

Oppure    

Ripristina Password

Create Account